Osservatori Meteorologici Storici: workshop a Roma venerdì 22

News brevi
paolo 16 Marzo 2019
visibility140 Visualizzazioni

Osservatori Meteorologici Storici: dal recupero all’uso dei dati per gli studi sul cambiamento climatico. Workshop a Roma venerdì 22 marzo promosso da AISAM, Associazione Italiana di Scienze dell’Atmosfera e Meteorologia

Ieri si è svolto in tutto il mondo lo sciopero per il clima, portato avanti dalla studentessa svedese Greta Thunberg, che da agosto 2018 ha scioperato ogni venerdì davanti la sua scuola per chiedere interventi per combattere il cambiamento climatico. Il 23 marzo, inoltre, si svolgerà la Giornata mondiale della meteorologia con tema: il sole, la terra e il tempo. Anche per questi due eventi venerdì 22 marzo si svolgerà a Roma un WORKSHOP di introduzione alla Giornata Mondiale della meteorologia. “Gli osservatori meteorologici storici: dal recupero all’uso dei dati per gli studi sul cambiamento climatico“. Appuntamento a Roma, 22 marzo 2019, ore 14:00 presso MIBAC, Sala Spadolini – Via del Collegio Romano n. 27

L’evento

L’Associazione Italiana di Scienze dell’Atmosfera e Meteorologia (AISAM), in collaborazione con il Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’Analisi dell’Economia Agraria (CREA) e con il Servizio Meteorologico dell’Aeronautica Militare (MeteoAM), a latere delle celebrazioni della 69° Giornata Mondiale della Meteorologia, organizza un workshop di rilevanza internazionale sugli “osservatori meteorologici storici”, con l’evidente intento di sottolineare l’importanza scientifica che le lunghe serie di misure hanno per gli studi e le ricerche sul cambiamento climatico.

Il riconoscimento come stazioni centenarie che l’Organizzazione Meteorologica Mondiale riserva agli osservatori storici è la testimonianza dell’interesse della comunità scientifica per i dati meteorologici del passato, che rappresentano la base informativa certa da cui partire per studiare e comprendere i mutamenti climatici in atto. Ne sono un’innegabile evidenza gli interessanti risultati di ricerche che hanno attinto i dati direttamente dagli archivi delle “stazioni centenarie”. Il programma completo sul sito AISAM.

Relatori

  • Ida Marandola, Direttore Generale del CREA
  • Francesco Prosperetti, MiBAC – Soprintendenza Speciale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Roma
  • Silvio Cau, Rappresentante Permanente dell’Italia presso la World Meteorological Organization
  • Antonio Raschi, Direttore del CNR-Ibimet
  • Carlo Maria Sadich, MiBAC – Soprintendenza Speciale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Roma
  • Padre Massimo Nevola SJ, Comunità Romana di Sant’Ignazio
  • Peer Hechler, World Meteorological Organization
  • Maria Carmen Beltrano, già ricercatrice CREA-AA
  • Luigi Iafrate, CREA
  • Andrea Cantile, Fondazione Osservatorio Ximeniano
  • Piero Paolucci, Università degli Studi di Urbino Carlo BoDaniele Cat Berro, Società Meteorologica Italiana – NIMBUS
  • Alberto Nobili, Comune di Pesaro – Osservatorio “Valerio”
  • Alessandro Galliani, Centro Tecnico per la Meteorologia
  • Maurizio Maugeri, Università degli Studi di Milano
  • Alessandro Zaldei, CNR-Ibimet
  • Alessandro Ceppi, MeteoNetwork
  • Dino Zardi, Presidente AISAM

Per partecipare al Workshop occorre registrarsi ENTRO MERCOLEDÌ 20 marzo, via e-mail, indicando se si intende partecipare alla visita alla Biblioteca: [email protected], [email protected] Per maggiori informazioni vi rimandiamo alla pagina Facebook dell’evento.

Tag: