Webcam di Termoli- Circolo Vela (Rio Vivo)

Webcam di Termoli

Circolo vela di Rio Vivo -Aggiornamento automatico ogni 10 secondi 

Webcam di Termoli
Lungomare Sud- Rio Vivo c/o Circolo Vela di Termoli

Webcam di Termoli:

La webcam di Termoli, una Mobotix M25 installata dall’Associazione MeteoinMolise presso il Circolo Vela di Termoli a Rio Vivo, è posta direttamente sulla spiaggia a pochi metri dal mare. Punta in direzione est, per godere di albe sul mare stando comodamente seduti a casa.

La città di Termoli:

Termoli, comune italiano di 33 719 abitanti della provincia di Campobasso è il secondo comune per popolazione della provincia di Campobasso e della regione dopo il capoluogo. Si caratterizza per la presenza di un promontorio sul quale sorge l’antico borgo, delimitato da un caratteristico muraglione a picco sul mare. La città, comprendente un tempo il solo borgo antico, si estende oggi dalla costa verso l’interno per alcuni chilometri, ma il suo centro propulsore è il promontorio sul mare Adriatico, sede del Borgo Antico, diviso dal resto della città dalle mura di contenimento e dal castello Svevo La città si affaccia sul mare Adriatico ed ha un’altezza che va dai 0 ai 178 m sul livello del mare. Le spiagge (2) sono divise dal borgo antico, abbiamo dunque il litorale nord (chiamato così proprio perché punta a nord) e Rio Vivo, che guarda, invece, ad est. La città è situata nella zona altimetrica della collina litoranea ed è classificata a basso rischio sismico.

Geografia di Termoli:

Geograficamente è posta tra il fiume Biferno (a sud – Rio Vivo) e il torrente Sinarca (a nord) entrambi a carattere torrentizio. Nella città di Termoli si incrociano il 42º parallelo Nord e il 15º meridiano Est; quest’ultimo è il meridiano centrale del fuso orario (UTC+1 o Central European Time) di Berlino, Parigi e Roma che di fatto determina l’ora del fuso stesso (chiamata infatti l’ora di Termoli). Il meridiano è denominato Termoli-Etna e questo fa della città adriatica una “Greenwich” italiana. L’incrocio tra le linee del parallelo e del meridiano avviene sulla spiaggia di Rio Vivo, più precisamente presso la marina di San Pietro, a pochi passi dal luogo dove fino a poco tempo fa era situato un trabucco (Trabucco di Bricche). Calcoli più datati, invece, situavano il punto di incrocio in corrispondenza di un’antica torretta semi-distrutta che si trova sempre sulla strada di Rio Vivo. Il luogo è ricordato da un bassorilievo presente nella zona.

Tradizioni di Termoli:

Numerose sono le tradizioni della cittadina costiera, la più importante delle quali, però è senz’altro la festività in onore di San Basso, patrono di Termoli. Le barche ormeggiate al porto, nei giorni precedenti la festa, partecipano all’estrazione per vedere quale sarà che avrà l’onore di portare in mare la statua del Santo. Chi viene estratta, infatti, il 4 agosto parte dal porto e, seguita dalle altre imbarcazioni, porta in mare la statua. Altra tradizione è quella dell’incendio del castello. Allo scoccare della mezzanotte del 15 agosto, dal litorale nord, è possibile assistere ad un incredibile spettacolo pirotecnico che coinvolge tutta la parte nord delle mura ed il castello per ricordare l’assedio subito da parte dei Saraceni.

Curiosità di Termoli:

Termoli è in disputa con il comune di Ripatransone per il primato del vicolo più stretto d’Italia che, al momento, pare sia quello del comune ascolano (da 38 a 43 cm contro i circa 50 cm della “rejecélle” termolese) anche se recenti misurazioni stanno riportando il primato nazionale, e addirittura europeo, nella città molisana; in alcuni punti, infatti, la stradina misura appena 33-34cm. Altra contesa con le Marche riguarda San Basso. Il comune di Cupra Marittima rivendica di essere in possesso delle spoglie originali del Santo, patrono della città di Termoli.