Webcam di Sepino

Webcam di Sepino -Aggiornamento automatico ogni 10 secondi 

Webcam di Sepino
Webcam di Sepino (Campobasso)- 698 msl

Webcam di Sepino

La webcam di Sepino, ubicata nella piazza principale, ci mostra la fontana della piazza, la scalinata tipica del paese ed i palazzi circostanti. Posta nel centro del paese è molto suggestiva nel periodo natalizio con le illuminazioni installate ed, ancor di più, se con la presenza di neve a terra.Sepino è un comune italiano di 2.069 abitanti della provincia di Campobasso, facente parte del circuito dei borghi più belli d’Italia. Sepino (dal latino saepio –  “recingere”) si trova a 702 m s.l.m., su di un colle boschivo ai piedi del massiccio del Matese.  Nel centro cittadino sorge la chiesa di Santa Cristina, probabilmente costruita quando la popolazione, alla fine dell’Alto Medioevo, abbandonò Saepinum per fondare l’odierna Sepino: il Castellum Saepini.

Webcam di Sepino: il campanile

Il campanile ha la guglia con una singolare forma di “bottiglione”, interamente costruita dagli artigiani del luogo. All’interno vi si possono trovare la “grotta di Santa Cristina” con i Misteri, la Sala del Tesoro, un coro ligneo di epoca ottocentesca e l’archivio storico parrocchiale, in cui sono conservate anche pergamene del XII secolo di notevole pregio storico. Altre attenzioni le meritano il campanile romanico della Chiesa di San Lorenzo, le chiese di Santa Maria Assunta e del Purgatorio, nonché l’ex Chiesa di Santo Stefano, oggi adibita a teatro. A breve distanza dal centro abitato, in località Petrilli, vi è il convento della SS. Trinità, al cui interno si possono trovare decorazioni di notevole fattura, dipinti, statue e fontane.

Webcam di Sepino: le architetture civili

Il centro abitato, costruito prevalentemente in epoca medievale, conserva le tipiche caratteristiche dell’epoca. Ad un’ampia piazza corrispondono una fitta rete di stretti vicoli. In tutto il paese si trovano numerose fontane, come quella ubicata nella piazza principale, i cui rubinetti indicano i punti cardinali, o quelle della Canala e del Mascherone. Degno di nota è anche il Ponte San Rocco, da cui prende nome l’omonima località. L’abitato, all’epoca della costruzione, era circondato da una massiccia cintura muraria di forma ellittica, con quattro porte, munita delle caratteristiche torri di avvistamento e sulle quali spiccava il castello. Tuttora sono conservate alcune torri e tre porte: la porta Meridionale, la porta Orientale e la porta di Corte o porta Borrelli. Il castello, fortemente danneggiato dal terremoto del 1805 avvenuto nella vicina Bojano, fu progressivamente demolito.

Webcam di Sepino: i siti archeologici

Nei pressi dell’abitato si trovano gli scavi archeologici di Saepinum e di SaipinsSaepinum sorge nella zona archeologica di Altilia, attraversata dall’antico Tratturo Pescasseroli-Candela. È possibile ammirare i resti dell’abitato romano il foro, la basilica, Porta Bojano, le terme, il teatro, il Cardo e il Decumano, le mura e le possenti porte d’accesso.
La zona archeologica ospita annualmente numerosi turisti ed è costantemente inserita nel calendario di manifestazioni estive e non, soprattutto di carattere culturale, che propongono spettacoli teatrali e di danza di livello internazionale. Sono presenti, inoltre, vari musei.

Webcam di Sepino: il teatro romano di Saepinum

Attraverso un sentiero, salendo sulla montagna, a circa 953 m s.l.m., sorge Saipins, chiamata anche “Acropoli di Terravecchia”. Importante centro sannitico del III secolo a.C. fu definita da Tito Livio “fortissima atque potentissimaSaipinis”; qui furono combattute cruente battaglie, per poi venire espugnata e distrutta nel corso della terza guerra sannitica dal console Lucio Papirius Cursor. Oggi, fra le rovine più importanti, è possibile ammirare la Postierla del Matese. Fra Altilia e Terravecchia, recenti scavi stanno riportando alla luce il Tempio Italico di San Pietro in Cantoni.

 

Siti naturalistici

 

Di notevole importanza e bellezza, anche se ancora scarsamente conosciuto è Campitello di Sepino, luogo a quota 1000 metri in cui si possono svolgere varie attività, da un semplice pic-nic alle più avventurose passeggiate nelle faggete ammirando, da una parte la vista sul Molise orientale e dall’altra, ancora più stupefacenti, godere le viste su Matese e sul Vesuvio e le isole del golfo di Napoli.