Terremoto Molise: il VIDEO esclusivo

Terremoto in Molise

Come ormai è ben noto, alle 19:36 del 4 aprile una scossa di terremoto di magnitudo 3.1 ha interessato la nostra regione con epicentro Campobasso.

Vi proponiamo questo video della scossa in diretta immortalando proprio gli attimi in cui la terra ha tremato.

 

Cause del Terremoto:

I terremoti frutto della tettonica a placche sono detti terremoti tettonici. Essi rappresentano la maggior parte dei terremoti in tutto il mondo e si manifestano lungo i margini delle placche tettoniche.

I terremoti vulcanici sono associati al vulcanismo attivo. Normalmente non sono molto forti e spesso sono relativamente vicini alla superficie; è per questo che vengono percepiti solo nella vicinanza dell’ipocentro. Rappresentano solo il 3% dei terremoti.

Il 7% dei terremoti sono i terremoti da collasso. Questi sono causati, per esempio, dal crollo di grotte, soprattutto nelle zone carsiche (“Terremoto carsico”), oppure dal fenomeno di subsidenza delle zone di estrazione mineraria.

I terremoti indotti sono causati da “influenze esterne dirette”: esplosioni nel sottosuolo (per esempio test di armi atomiche), estrazioni minerarie, di olio o di gas, costruzioni di dighe o tunnel. Normalmente in geotermia queste vibrazioni nascono con l‘aumento della pressione dei fluidi. Gli eventi sismici, che ne derivano, si manifestano prevalentemente tra i 2 e i 5 chilometri di profondità, hanno una magnitudo scarsa e raramente provocano danni.

La crosta terrestre è formata da numerose grandi placche litosferiche e da una miriade di piccoli frammenti. Le placche convergono, divergono oppure si spostano parallelamente tra loro (faglia trasforme).

I terremoti sono generati dal brusco rilascio di energia  lungo  fratture presenti nella crosta terrestre. A causa del costante movimento delle placche tettoniche, enormi sforzi si accumulano continuamente nelle masse rocciose su entrambi i lati della frattura. Quando gli sforzi raggiungono un livello critico, si  scaricano  sotto forma di un improvviso movimento a scatti. L’energia che viene rilasciata si propaga sotto forma di onde attraverso la terra e sulla superficie terrestre, causando scuotimenti che vengono percepiti come terremoti.

Le onde sismiche colpiscono per prima e con maggiore energia l’area epicentrale. È per questo, che qui generalmente si ha il più forte scuotimento e, di conseguenza, i maggiori danni. Sulle fratture nascono scorrimenti, che possono essere più o meno riconoscibili in superficie a seconda della forza.