Svolta meteo invernale: altre irruzioni fredde a fine novembre

Meteo anticiclonico al capolinea: stiamo vivendo gli ultimi scampoli anticiclonici. Il bel tempo, protagonista soltanto in parte, cederà di schianto nella giornata di venerdì ma prima che ciò avvenga avremo modo di osservare l’ennesima giornata mite, a tratti nebbiosa e persino nuvolosa.

Le cause del cambiamento meteo: due gli elementi che accenderanno la spia invernale. La prima: lo spostamento dell’Alta Pressione sulla Penisola Iberica. La seconda: l’accumulo d’aria fredda in Scandinavia. La sinergia tra le due circolazioni innescherà la spinta anticiclonica verso nord (asse Groenlandia-Islanda) e una conseguente irruzione artica lungo i meridiani. Bersagli di quest’ultima Europa centrale e Mediterraneo.

Shock termico: considerando le attuali condizioni meteo-climatiche, l’arrivo del freddo verrà percepito eccome! Le temperature caleranno anche 15-20°C, specie su Alpi e rilievi appenninici settentrionali. L’aria fredda affluirà facilmente al Centro Nord, mentre al Sud manifesterà un po’ di difficoltà. Ovviamente l’abbassamento termico faciliterà il ritorno della neve a quote piuttosto basse e saranno le prime di stagione.

E poi? Cosa accadrà? Al momento sarebbero due le soluzioni possibili: il ritorno dell’Alta Pressione o ulteriori irruzioni fredde. Soluzioni diametralmente opposte, ma legate a doppio filo perché dipendenti dal posizionamento anticiclonico e dal grado d’intrusione delle perturbazioni atlantiche sull’Europa occidentale. Qualora l’Atlantico non dovesse avere energia sufficiente per inibire nuove spinte alto pressorie verso nord, ecco che il freddo avrebbe nuovamente strada libera verso il Mediterraneo.

Fonte: MtG