Ritorno invernale
Attesi rovesci di neve anche a quote collinari

Ritorno invernale in grande stile: freddo e neve in collina

Ritorno invernale: in settimana arriva neve, freddo e pioggia. Ci attendono valori termici molto al di sotto della norma. 

Ritorno invernale
Aria fredda di origine artica si insinua sul bordo orientale dell’anticiclone interessando le regioni orientali e quelle meridionali

Ne avevamo parlato diffusamente anche durante questo periodo festivo aggiornando quotidianamente i nostri lettori. Siamo oramai a ridosso peggioramento freddo previsto che si concretizzerà entro 24/36h. Aria di origine artica è in procinto di interessare le regioni italiane. In particolare, nel corso delle prossime ore, un nocciolo di aria piuttosto fredda in quota entrerà dalla porta della bora e scivolerà verso sud creando una temporanea bassa pressione che dall’Italia centrale si muoverà verso levante. Su tutte le regioni valori termici in decisa diminuzione sia nei valori minimi che in quelli massimi con ventilazione in aumento ed il ritorno della neve tra mercoledì sera e giovedì anche a quote collinari sui rilievi del Molise interno. In genere segnaliamo la possibilità di gelate per alcuni giorni ed un ritorno verso un clima tipicamente invernale con temperature anche sotto zero.

Ritorno invernale, situazione in Europa:

Ritorno invernale
Sensibile calo termico anche di 10 gradi

A tal proposito evidenziamo come i valori termici in molte aree dell’Europa siano diminuiti già di circa 10 gradi. In particolare a nord-est della nostra penisola e su Germania, Austria e Svizzera. In Germania, ad esempio, proprio nella giornata di ieri diffuse nevicate hanno interessato il settore meridionale con accumulo oltre i 400/500 metri e fiocchi che si sono spinti, localmente, anche nella pianura interna.

Ritorno invernale: previsioni per il Molise. Neve in collina 

Ritorno invernale
Precipitazioni attese sul medio adriatico. Piogge e temporali sulla costa, neve nell’interno a tratti

Nello specifico previsionale, per quanto concerne la nostra regione e le aree confinanti adriatiche (Abruzzo e Puglia), la fase meteorologicamente più compromessa è quella, come detto, tra la sera di mercoledì e la giornata di giovedì.In questo contesto con clima piuttosto rigido, nubi diffuse e con l’ingresso di aria instabile e fredda in quota sono attesi rovesci sparsi, localmente anche temporali specie lungo la costa, e nevicate seppur intermittenti fino a quote alto collinari (700/800m) senza escludere fiocchi di neve durante le precipitazioni a quote più basse.