Previsioni Meteo, ecco come El Niño porta sull’Italia il grande caldo fuori stagione

Anticiclone e temperature davvero eccezionali per il mese di Dicembre, ecco perché c’è lo zampino di “El Niño”

L’arrivo di un lungo periodo di tempo insolitamente caldo per la stagione, con temperature anche “eccezionali”, purtroppo rappresenta l’ennesima dimostrazione di come il potente fenomeno di “El Niño” sia in grado di influenzare la circolazione atmosferica su gran parte della Terra. Il fenomeno di “El Niño”, ormai giunto nella fase di massima intensità sul Pacifico centro-orientale, può influenzare, in modo indiretto, l’andamento meteo-climatico, oltre che sul nord America, anche in Europa e lungo il bacino del mar Mediterraneo. Ipotesi ormai concretizzata da diverse settimane visto che il vecchio continente, in varie occasioni nelle ultime settimane, è stato interessato da masse d’aria particolarmente calde per il periodo, mentre le masse d’aria più fredde provenienti dall’Artico groenlandese e norvegese rimanevano relegate alle alte latitudini, fra il nord Atlantico e l’estremo settore settentrionale della penisola Scandinava e della Russia europea.

Questa persistenza del caldo su gran parte del continente europeo, con anomalie termiche che superano punte di +3°C +5°C rispetto le medie stagionali su gran parte degli stati europei, è frutto del tipico pattern di “El Niño” che in queste settimane si è andato a collaudare fra il Pacifico settentrionale e il nord Atlantico.

Tutto merito dei cosiddetti “fiumi troposferici” (cosi chiamati dai meteorologi statunitensi e inglesi), ossia flussi di masse d’aria che dalla calda superficie oceanica si espandono lungo l’intera colonna troposferica.

f00_wind_vector300

Negli ultimi sei mesi, durante il rafforzamento del fenomeno di “El Niño”, giunto alla fase “strong”, questi “fiumi troposferici” in ascesa dalle caldissime acque superficiali del Pacifico tropicale orientale, specie dal tratto attorno le Hawaii, hanno contribuito a irrobustire e a rendere ancora più possenti i promontori anticiclonici.

Ancora una volta, dopo il caldo anomalo della prima parte del Novembre 2015, parliamo di valori di ben +11°C +12°C superiori rispetto a quelle che dovrebbero essere le tipiche medie stagionali. Ondate di calore che con molta probabilità torneranno a ripresentarsi anche nel cuore di questa stagione invernale. A dimostrazione di come gli eventi di “Niño” più forti, come quello di quest’anno, siano capaci di alterare la circolazione generale atmosferica su buona parte della Terra, Europa e Italia incluse.

@Meteoweb