Pluviometro, come costruirlo? Una guida anche per gli acquisti

Novità
Redazione MeteoInMolise 29 agosto 2018
visibility353 Visualizzazioni

Come costruire un pluviometro

Se vuoi tenere traccia di quanta pioggia cade, puoi acquistare un pluviometro, oppure puoi costruirtene uno con dei componenti economici che puoi acquistare dal tuo ferramenta. Questo articolo spiega come costruirne uno, e come calcolare esattamente la quantità di pioggia caduta. Non è solo un metodo economico, ma è anche un buon progetto scientifico e una nuova esperienza di apprendimento per i bambini.

A cosa serve un pluviometro

Misurare la quantità di pioggia che cade al suolo non interessa solo tantissimi appassionati di meteorologia ed amanti della natura, che pubblicano su Internet i dati delle loro stazioni pluviometriche amatoriali, ma è anche un dato importantissimo per la ricerca scientifica. Sapere quanto piove in una certa area, permette di determinare la piovosità di quel luogo, e se i dati vengono rilevati per molti anni permette anche di stabilire se ci sono variazioni nella quantità di precipitazioni con il passare del tempo, o se si sta vivendo in una fase di siccità, o al contrario di abbondanza di piogge.

Pluviometro standard e costruzione

I pluviometri standard usati dai Servizi Idrografici, hanno un diametro fisso di 36 cm ed un’imboccatura con area di 0,1 metri quadrati. L’apertura della bocca del pluviometro deve avere una certa dimensione perché, se la bocca è troppo piccola, l’errore nel rilevamento del dato aumenta.  Chiunque può costruirsi un pluviometro fai da te e installarlo sul terrazzo della propria casa, o nel proprio giardino. Per costruire un pluviometro bisogna innanzitutto procurarsi un contenitorePluviometro, meglio se trasparente. Come detto l’imboccatura non dovrebbe essere troppo stretta.

Dopo aver scelto il recipiente bisogna tararlo, in modo tale che ad ogni eventi piovoso si possa già leggere il dato in millimetri. Sapendo a quanto corrisponde un millimetro di pioggia è facile capire che basta conoscere il volume di acqua, e l’area dell’imboccatura, per tarare il nostro pluviometro artigianale. Bisognerà pazientemente riempire il recipiente con volumi di acqua noti (misurandoli ad esempio con un recipiente graduato da cucina che ci indica i volumi), e calcolare a quanto corrispondono in termini di millimetri. Dovremo applicare la seguente formula: P(mm)= Area pluviometro x Volume acqua. Ad ogni volume noto segneremo il livello raggiunto dall’acqua.

ACQUISTO PLUVIOMETRO: se non hai tempo per costruire il pluviometro puoi comprarlo a prezzi particolarmente convenienti. Ne esistono di vari modelli. I nostri consigli

Tag: