Nessun aumento termico dal 1998 ad oggi!

Nessun aumento termico dal 1998 ad oggi! A confermarlo i dati satellitari dalle radiosonde.

Mentre i principali centri di calcolo delle temperature globali continuano a vedere un aumento inarrestabile (per NASA e NOAA il 2015 è stato l’anno più caldo della storia), i dati satellitari non vedono alcun aumento significativo a partire dal 1998.

Nei giorni passati c’è stato da parte di autorevoli scienziati dell’IPCC un pesante attacco sulla credibilità dei dati satellitari globali della temperatura. E’ il famoso “Warming Hiatus” che è stato pesantemente attaccato nei giorni scorsi da alcuni scienziati, che negano validità ai dati rilevati via satellite.

In realtà le temperature terrestri sono calcolate con metodi matematici di interpolazione, visto che mancano tantissime zone coperte dalle rilevazioni. E i dati medi ricavati dai radiosondaggi confermano la linea di tendenza dei dati UAH ed RSS ricavati da satellite.

Nei due grafici, il confronto tra i dati via satellite e quelli ricavati dalle radiosonde: si vede una sostanziale concordanza dei due grafici.

Anche i radiosondaggi alle varie quote mostrano tre picchi di temperatura, nel 1998, 2010 e 2015 relativi agli episodi di Nino sul nostro Pianeta, indicando una sostanziale stazionarietà delle temperature dal 1998 ad oggi.

In particolare il 2015 risulterebbe l’anno più caldo alla sola quota di 18 mila piedi (500 hPa), mentre alle altre quote sarebbe il 3° o 4° anno nella classifica dei più caldi, concordando con i dati satellitari RSS ed UAH.

22 gen 16 confronto

@Freddofili.it