Meteo Agosto: piu' caldo al sud, correnti atlantiche al nord
Due episodi di natura nord-africana al centro-sud. Il nord, meno esposto, e sempre sotto il tiro di correnti nord-atlantiche

Meteo Agosto 2016: ultimissime

Meteo agosto 2016: caldo o incerto?

PREMESSA – Avevamo già anticipato, in precedenti aggiornamenti su questa stagione estiva, che la fase più calda stagionale avrebbe potuto esprimersi nella seconda parte. Ad oggi, sulla base anche degli ultimissimi dati, confermiamo questa tendenza. Anche MeteoinMolise era già’ intervenuto su questo aspetto.

PRESUPPOSTI PER UN AGOSTO CALDO – Un diverso allineamento delle anomalie termiche oceaniche settentrionali, nonché una maggiore ostinatezza del fronte subtropicale, conseguente a mutate anomalie termiche superficiali pacifiche e atlantiche meridionali, consentiranno maggiori puntate dell’alta pressione nordafricana verso le regioni mediterranee e anche verso l’Italia.

PRIME AZIONI DAL NORD AFRICA IN LUGLIO – Già in questa seconda metà di Luglio potranno compiersi prime azioni calde dal Nord Africa, ma il trend ne vede la prosecuzione, e forse anche una maggiore incisività, in Agosto.

CORRENTI INSTABILI ATLANTICHE PIÙ’ IN SORDINA – Abbiamo elementi per ritenere che solo temporaneamente potranno inserirsi dei disturbi nordatlantici, ma più veloci, rispetto alla loro azione media in questa prima parte stagionale, e anche meno incisivi. Salvo qualche breve fase con correnti più zonali, l’alta pressione nordafricana pare debba avere molto più spazio per sortite verso l’Italia, nel corso del mese prossimo, con fasi di bel tempo e calde abbastanza frequenti; caldo anche di un certo spessore sulle regioni centro-meridionali, con punte di 39/40° abbastanza ricorrenti.

QUALCHE DISTURBO IN PIÙ’ AL NORD – Caldo e bel tempo più ricorrente anche al Nord, specie sulle pianure, anche qui con 37/38° frequenti.
Il Nord in genere, tuttavia, potrebbe risentire maggiormente di passaggi più miti atlantici, con maggiori occasioni per azioni temporalesche, soprattutto su Alpi, Prealpi e localmente alte pianure. In sintesi, ci attendiamo una seconda parte estiva decisamente più ostinata in termini di caldo e di stabilità, specie nei primi 20 giorni. Naturalmente aggiorneremo settimanalmente questa tendenza, prospettandovi eventuali e sempre possibili cambiamenti nell’evoluzione.

Fonte: Ilmeteo