Estremi meteo: le grandi siccità in Italia

Mentre il nord Italia è entrato definitivamente nell’inverno, con neve anche in pianura, al centro ed al sud Italia continua a latitare. Oltre alla neve, negli ultimi mesi è mancata anche la pioggia (fatta eccezione per i giorni 26 e 27 novembre), che solo ieri è tornata in modeste quantità sul Molise.

Quando si parla di siccità il pensiero va ovviamente subito al periodo estivo, la stagione senza o con poche piogge per eccellenza. E in generale è così. Ma qui vogliamo evidenziare i casi di siccità più estremi che hanno colpito il nostro Paese.
Limitandoci solo agli ultimi decenni ricordiamo:

– 1954: da Maggio a Settembre quasi senza eccezioni niente pioggie su Calabria, Sicilia e Sardegna
– 1959: due episodi, uno alla fine dell’inverno in Veneto, Salento e versante adriatico dell’Appennino settentrionale. L’altro durante la stagione estiva con assenza di pioggia per più di 100 giorni in Sardegna, alta Pianura Padana, bacino del fiume Adige, Piemonte e Liguria.
– 1962: siccità su tutta l’Italia, tra l’estate e l’autunno, per più di 100 giorni. In particolare fascia costiera tirrenica, Sardegna. Soprattutto in Sicilia addirittura fino a 200 giorni senza piogge.
– 1976: primo semestre dell’anno in Piemonte, Lombardia, Alpi centrali. Ad esempio a Milano e Como solo 200 millimetri in sei mesi, il valore piu basso degli ultimi 200 anni. Il Po il 20 luglio toccò la portata minima di 335 metri cubi al secondo (il minimo storico era di 275).

1980-81: 106 giorni a secco, dal 26 novembre al 13 marzo, in Lombardia, con non più di 20 millimetri di pioggia.
1988-89: una siccità davvero intensa tra settembre e marzo. Durata ed estensione come non avveniva da 250 anni. Praticamente totale assenza di neve con solo 2 o 3 deboli nevicate. Oltretutto il clima mite e i cieli sereni sciolsero quel poco che c’era, eccetto i ghiacciai perenni a quote oltre i 2500 metri.
1994-95: un’alluvione mise in ginocchio il Piemonte all’inizio di novembre, ma poi scarse o assenti precipitazioni sulla Pianura Padana fino alla fine di febbraio, con l’eccezione poco dopo metà gennaio di una debole perturbazione atlantica che, grazie alle basse temperature, fece nevicare a Milano e Torino.
2000: ancora una volta la siccità colpì soprattutto il Nord e durò per i primi 70 giorni dell’anno.
2001: per la Sicilia e per gran parte del Sud Italia l’estate e l’inizio dell’autunno furono particolarmente avari di precipitazioni. A Palermo caddero 26 millimetri in 5 mesi. Poi, a partire dal mese di dicembre, un grave episodio di siccità colpì le regioni settentrionali, specie quelle di Nordovest, dove non piovve mai se non in due singole occasioni.

Sperando non si ripetano episodi del genere, quanto detto deve servire anche a far ricordare che eventi estremi ci sono sempre stati, non si vede il motivo per cui adesso, ad ogni evento, si debbano tirare in ballo i cambiamenti climatici magari con la frase “non ci sono più le stagioni di una volta”, perché tale frase la diceva già Virgilio duemila anni fa!

www.meteoinmolise.com