El Niño: le ultime notizie sul suo stato

Cesserà nel secondo trimestre del 2016 secondo l’Ufficio Meteorologico Australiano

L’evento di  El Niño in atto, forse il più forte degli ultima 50 anni, avrebbe raggiunto l’apice nelle ultime settimane  e probabilmente scomparirà  secondo trimestre di quest’anno, quando dovrebbero tornare condizioni di “ENSO Neutral” ovvero assenza di Niño che di Niña. Queste sono le proiezioni sul fenomeno appena diffuse  dal  Bureau Of Meteorology  (BOM) dell’Australia.

Questo però significa che la sua influenza sul clima del pianeta, inverno europeo compreso,  si potranno avvertire ancora almeno fino a marzo 2016.

Come noto  El Nino è un anomalo forte surriscaldamento delle acque del Pacifico equatoriale  e le cui conseguenti ripercussioni sulla normale circolazione generale del pianeta ha provocato numeri eventi climatici estremi su gran parte della terra: siccità (Calfornia, Australia, Europa, Indonesia),  tempeste (Regno Unito, Scandinavia), alluvioni (USA, Regno Unito), migliaia di morti, perdita di raccolti (Africa, India, Indonesia), aumento dei costi dei prodotti agricoli, vasti incendi boschivi (California, Indonesia).

Secondo il BOM “Un certo numero di indicatori  di El Nino-Southern Oscillation (ENSO) suggeriscono che El Niño ha raggiunto l’apice nelle ultime settimane”.

Sulla base dei dati raccolti dal 1900 ad oggi,  circa il 50% degli eventi di El Niño sono stati seguiti da un anno neutrale, mentre il 40 per cento sono stati seguiti da un La Niña, caratterizzata da un anomalo raffreddamento delle acque del Pacifico tropicale.

www.meteoinmolise.com

@MeteoGiuliacci