Ecco il CAMBIAMENTO dopo il giorno 20: modelli CONCORDI!

L’alta pressione abbraccerà l’Italia fino al giorno 20. Successivamente si conferma una discesa fredda che colpirà prima l’Europa centrale, poi anche l’Italia. Ecco il responso del modello europeo e americano…

Signori, si cambia!

La scadenza previsionale è ancora considerevole, ma la tenacia dei modelli nel confermare un cambiamento dopo il giorno 20 ci rende fiduciosi circa un cambio di marcia della stagione.

I clima gradevole è indubbiamente ben accetto, come la mitezza ed il sole, ma se si pensa alle montagne totalmente brulle e alla pessima qualità dell’aria che aleggia nelle nostre città, ci si rende conto che la situazione in essere non sia particolarmente salutare e necessiti di una “svolta”, di un cambiamento.

Si cambia! Non subito, ma dopo il giorno 20. I due modelli più importanti della rete questa mattina danno ampia conferma di ciò.

La cartina in home page ci mostra la previsione imbastita questa mattina dal modello americano per domenica 22 novembre. Sotto osservazione lo spostamento del cuore anticiclonico sul vicino Atlantico; sul fianco destro della figura stabilizzante scenderà di gran carriera l’aria fredda (freccia bianca) che irromperà prima sull’Europa centrale, poi anche in Italia.

L’impatto delle correnti fredde sul Mediterraneo ancora caldo darà sicuramente origine a situazioni depressionarie al momento difficilmente individuabili, che saranno fautrici di piogge e nevicate in montagna (e non solo).  

La previsione imbastita (per il medesimo giorno) dal modello europeo risulta quasi speculare alla tendenza contemplata dal “collega” americano.

Spostamento dell’alta pressione in Atlantico e successiva apertura del “rubinetto freddo” che farà scendere aria di diretta estrazione artica verso l’Europa centro-meridionale e l’Italia.

Due parole anche sul modello canadese, che contempla una situazione praticamente analoga che prenderebbe il via con la medesima scadenza previsionale.

@Meteolive